3 suggerimenti per migliorare il profilo LinkedIn

Migliorare il profilo LinkedIn è un’operazione indispensabile, perchè ricorda che:

“non avrai mai una seconda occasione per fare una buona prima impressione”

Una buona strategia di Personal Branding, non può prescindere dal Web e, in modo particolare, se sei un imprenditore, una persona in cerca di lavoro o un professionista, non può prescindere da un uso saggio di Linkedin, il social network più utilizzato in ambito professionale.

Cosa fare per migliorare il profilo LinkedIn?

Se hai un profilo personale su questa piattaforma, probabilmente avrai notato che un certo numero di persone lo visitano per capire chi sei e cosa fai e magari come potresti essere utile a loro.

Visitando il tuo profilo, inevitabilmente e nei primi secondi, si fanno un’idea di te, si creano un’opinione, che una volta formata diventa difficile da cambiare in futuro, anche perché, se questa opinione fosse negativa, probabilmente abbandonerebbero il tuo profilo per non tornarci più.

Pertanto, ti faccio 3 domande, come stimolo per migliorare il tuo profilo LinkedIn:

  1. È completo?
  2. Ti fa apparire credibile? Ovvero, comunica la tua esperienza e il valore che offri?
  3. Ti rende reale? Cioè offre la possibilità alle persone di conoscere qualcosa di te come persona?

Se anche per una sola di queste domande la risposta è incerta, leggi fino in fondo perché voglio darti 3 suggerimenti utili per rendere il tuo profilo immediatamente più interessante per i tuoi visitatori.

Prima di iniziare il lavoro per migliorare il profilo LinkedIn, tuttavia, è necessario che tu abbia le idee chiare su cosa scrivere in alcune sezioni, pertanto, ti suggerisco di leggere con attenzione l’articolo 2 strumenti per aiutarti a spiegare che lavoro fai.

Suggerimento 1: completa le informazioni di base

È molto banale, lo so, ma spesso, la prima parte del profilo è molto trascurata. Vediamone le parti essenziali.

  • La foto profilo. È la prima cosa che in genere le persone guardano. Cerca di inserire una foto luminosa, in cui si veda bene il tuo viso, che riempia il cerchio, magari che ti ritragga nel tuo contesto professionale con un abbigliamento “consono” al tuo ruolo.
  • Il sommario. Hai a disposizione 220 caratteri, anche se non è detto che tu li debba utilizzare tutti. La cosa importante è che sia chiaro ciò che fai. Cerca di utilizzare le “parole chiave” attraverso le quali il tuo potenziale pubblico ti potrebbe cercare, così che tu possa apparire più facilmente nei risultati di eventuali ricerche.

Suggerimento 2: migliora la sezione delle informazioni

Anche qui hai possibilità di scrivere molte cose, ma evita l’errore, che fanno in molti, di trascrivere il CV per intero, in maniera molto impersonale. Rendi invece questa sezione personale, con l’intento di coinvolgere il tuo pubblico.

Cerca di esprimere in maniera chiara e sintetica il tuo scopo, la tua proposta di valore, soprattutto nelle prime tre righe, che sono quelle che appaiono sempre, a meno che il visitatore non schiacci su “altro”.

Qui potresti dare delle informazioni in più su di te e sulla tua offerta.

Le prime tre righe qualcuno le utilizza anche per essere più “provocatorio” o per mostrare una sua forte passione, un particolare orientamento, un credo, un valore, etc.. Questo dipenderà da te e da chi vuoi coinvolgere e su cosa.

Lo scopo di questa sezione è permettere al tuo pubblico di poterti conoscere un po’ di più e molto velocemente.

Suggerimento 3: aggiungi un po’ di “pepe”

Per rendere il tuo profilo più accattivante, incuriosire e coinvolgere il tuo pubblico, inserisci elementi multimediali (foto o video) nella sezione “in primo piano” che ti ritraggono nel tuo contesto professionale di ogni giorno. Questo permetterà al tuo pubblico di farti conoscere meglio e ti renderà più reale.

Un suggerimento extra per migliorare il profilo LinkedIn

Un ultimo suggerimento, extra rispetto ai 3, è quello di curare bene l’immagine di copertina che, per gli stessi motivi visti in precedenza, sarebbe opportuno che ti rappresentasse nel contesto lavorativo.

Per quest’ultima c’è anche una novità, poichè tra non molto sarà possibile inserirla sotto forma di video (funzione disponibile a breve) per un primo saluto e per coinvolgere subito il tuo pubblico.

L’immagine, o il video, di copertina, può essere anche cambiata con frequenza come se fosse una story, in modo che comunichi quel che fai e che possa essere interessante per il tuo pubblico.

Pensa al tuo profilo LinkedIn come alla vetrina di un negozio.

È la prima cosa che le persone osservano passando, quindi bisogna che gli dedichi la giusta cura ed attenzione, con una certa costanza.

Rendilo professionale, ma anche accattivante e “simpatico” nel senso di suscitare un’emozione che ti leghi al tuo pubblico.

Se hai scoperto qualcosa che dovresti fare per migliorare il profilo LinkedIn, non perdere altro tempo, dedica un’oretta a sistemarlo, per fare una buona “prima impressione”.

Se hai curiosità o suggerimenti da chiedermi scrivi nei commenti qua sotto.

Se vuoi approfondire l’uso di linkedin puoi trovare qualcosa in questo forum.

Hai trovato interessante questo articolo su come migliorare il profilo LinkedIn?

Potrebbe essere utile a qualcuno dei tuoi contatti?

Condividilo su uno dei tuoi profili social attraverso uno dei pulsanti qui sotto.

Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti alla mia newsletter mensile, così ti informerò ogni mese sui nuovi contenuti o su eventuali nuovi strumenti gratuiti.

🙏 ti ringrazio per l’attenzione che hai dedicato al mio articolo e ti faccio un grande in bocca al lupo.

Massimiliano

Leave a comment

Personal Discovery Canvas

DOWNLOAD GRATUITO

Invia il file a: