Il tuo Modello di Business è a prova di futuro? Scoprilo con lo Stress Test

Lo studio del Modello di Business sta, pian piano, entrando nella mentalità delle aziende e dei professionisti che lo utilizzano sempre più per analizzare ed innovare la loro attività attuale o per progettarne una nuova.

Tuttavia, raramente il Modello di Business viene testato rispetto agli scenari futuri, prodotti dalle tendenze e dai cambiamenti in atto come l’innovazione tecnologica e digitale, le nuove tendenze in materia ambientale, normativa, di mercato, etc…

Di sicuro, questa non è un’operazione semplice, ma voglio fornirti un approccio pratico per aiutarti a farlo: lo Stress Test del Modello di Business.

Lo Stress Test del Modello di Business

Questo approccio, può esserti utile per valutare la cosiddetta “robustezza” del tuo Modello di Business, ovvero la sua capacità di rimanere fattibile e praticabile a lungo termine, cosa molto importante, specialmente in periodi come quelli che stiamo vivendo, caratterizzati da cambiamenti veloci e imprevedibili.

Si tratta di un approccio pratico per comprendere come certi fattori esterni, derivanti dagli scenari futuri, possono influenzare i componenti del tuo Business Model.

Dal punto di vista pratico, puoi utilizzare il Business Model Canvas-Stress, un modello che puoi scaricare gratuitamente dal mio sito al seguente link.

business model canvas stress 1
Business Model Canvas-Stress

La mappa ti aiuta ad analizzare i punti di forza e di debolezza della tua attività, in relazione agli scenari futuri che potrebbero configurarsi sulla spinta delle tendenze in atto.

Allo stesso tempo, ti stimola a riflettere sulle azioni da fare per renderla più solida o per cogliere eventuali nuove opportunità.

Come si utilizza il Business Model Canvas-Stress

Preliminarmente dovrai rappresentare il tuo Modello di Business, attuale o futuro, utilizzando il Business Model Canvas, che puoi scaricare da qui.

Successivamente, dovrai compilare il Business Model Canvas-Stress seguendo i successivi 5 step.

STEP 1: DESCRIVI IL TUO MODELLO DI BUSINESS

Compila la prima riga del modello, riportando in maniera sintetica, tutti i blocchi del tuo Modello di Business.

STEP 2: INDIVIDUA I TRENDS

Ora compila la prima colonna provando ad immaginare o pensando alle tendenze o ai cambiamenti in atto, che prevedi potrebbero essere impattanti per il tuo mercato, settore di riferimento, azienda, ambiente di lavoro, ruolo, etc…

I trends potrebbero essere innumerevoli, per cui è necessario che effettui delle ricerche in tal senso.

Solo a titolo di esempio e di stimolo, ti riporto le principali tipologie di trends, indicate dall’analisi #Pestle.

  1. Politici: stabilità politica e accordi o restrizioni commerciali, crisi internazionali;
  2. Economici: crescita economica, tassi di interesse, inflazione, tassi di cambio;
  3. Sociali: cultura, salute, crescita della popolazione, distribuzione per età, etica del lavoro, livello di istruzione, nuovi modelli formativi;
  4. Tecnologici: innovazione, sviluppi, nuovo hardware (computer, telefoni, tablet), nuovo software;
  5. Legali: nuove leggi e regolamenti, generali e di settore;
  6. Ambientali: tempo, clima, consapevolezza sul tema della sostenibilità.

Ovviamente, possono esserci ulteriori trends rilevanti per la tua attività. Es.

  • Riguardante le Persone: mode, abitudini, bisogni, modelli di gestione delle persone negli ambienti di lavoro, etc..
  • Concorrenza: come si stanno muovendo i tuoi competitor?
  • Eventi catastrofici o pandemie
  • etc..

Rifletti bene ed annota i trends più importanti per il tuo business e riporta nelle apposite caselle con dei post-it i 6 trends che ritieni avranno il maggiore impatto su di esso.

Nota: per un’analisi più approfondita e completa sui trends puoi utilizzare l’analisi #Pestle.

STEP 3: CONFRONTA I COMPONENTI DEL TUO MODELLO DI BUSINESS CON I TRENDS – LA MAPPA DI CALORE

Ora confronta i vari blocchi del tuo modello di business con i trends che hai scelto.

Verifica ogni blocco con ogni trend e rifletti bene sul tipo di impatto che quel trend può provocare su quel blocco.

Verifica se l’impatto è negativo o positivo.

Crea una “mappa di calore”, posizionando sul modello dei post-it con colori differenti per avere una visione più chiara ed immediata dell’impatto di quel trend.

Puoi usare il sistema indicato di seguito.

🟥 Rosso: indica che questa parte della tua attività non è più praticabile. In questo caso, il trend è un pericolo per te e la tua attività. Se questo trend si affermasse, la tua attività potrebbe non avere più senso di esistere.

🟧 Arancione: indica che questa parte della tua attività sarebbe in forte calo. In questo caso, il trend ti fa capire che quell’elemento della tua attività deve essere modificato o innovato.

🟩 Verde: indica che questo elemento della tua attività risulta in linea o rafforzato da quel trend.

Grigio: l’impatto è minimo o nullo.

Ovviamente puoi decidere di usare un codice colori differente 😊.

STEP 4: INDIVIDUA I PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA

Una volta posizionati i post-it con i vari colori effettua una verifica di insieme, osservando la mappa ed annotandoti le considerazioni che ti vengono in mente.

A questo punto devi entrare nel merito dei vari blocchi, e chiederti in che modo specifico quel trend influenza la tua attività e riportare su ogni post-it perché consideri quel blocco un punto di forza o di debolezza. Scrivi tutte le tue riflessioni, considerazioni, idee, etc.. che ti vengono in mente.

In particolare, fai molta attenzione ad un caso che potrebbe verificarsi: un elemento specifico della tua attività che risulti rosso o arancione per più trends. Questo ti mostra che questa parte della tua attività è un punto davvero debole.

STEP 5: ADEGUA LA TUA ATTIVITÀ

A questo punto, rivedi quanto hai scritto sui post-it e pensa ad azioni concrete che mitighino e risolvano l’impatto negativo o addirittura lo trasformino in un impatto positivo, scrivile su dei post-it di un colore diverso (non usato finora) ed attaccali nei vari blocchi.

Tutte le idee, i propositi, le intenzioni, le decisioni e le azioni che hai prodotto serviranno a rendere la tua attività più solida per il futuro.

Considerazioni finali

Anche se lo strumento è molto semplice da utilizzare ed è stato elaborato per darti la possibilità di utilizzarlo anche in totale autonomia, per la complessità dei concetti che tratta, l’ideale sarebbe di utilizzarlo insieme ad un gruppo di persone (il tuo team, gli stakeholder, etc..) che magari abbiano un minimo di familiarità con il Business Model e, laddove possibile, con la presenza di un facilitatore esterno che guidi la sessione, presieda le discussioni, registri gli impatti e spinga per i risultati.

In ogni caso, comunque, anche se non è uno strumento banale da utilizzare, che tu lo usi in autonomia o in modalità più strutturata, ti può condurre a intuizioni sorprendenti, per cui ti incoraggio a provarlo.

Se hai dubbi o domande sull’uso della mappa, ma soprattutto se hai dei suggerimenti per migliorarla, scrivimi pure nei commenti qua sotto, oppure in privato. Sarò felice di ascoltare il tuo punto di vista.

L’approccio dello Stress Test e la creazione del modello Business Model Canvas-Stress sono liberamente ispirati ad un articolo scientifico apparso sulla rivista Futures nel 2017, che puoi trovare a questo link

Hai trovato interessante questo articolo sul Modello di Business?

Potrebbe essere utile a qualcuno dei tuoi contatti?

Condividilo su uno dei tuoi profili social attraverso uno dei pulsanti qui sotto.

Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti alla mia newsletter mensile, così ti informerò ogni mese sui nuovi contenuti o su eventuali nuovi strumenti gratuiti.

🙏 ti ringrazio per l’attenzione che hai dedicato al mio articolo e ti faccio un grande in bocca al lupo.

Massimiliano

Leave a comment

Personal Discovery Canvas

DOWNLOAD GRATUITO

Invia il file a: